La scritta sulla lapide della fontana in piazza


« Fons erat antiquus quem circum foeda lavacra extrabant murus margine nullus erat nunc impensa novum maiorem pubblica fontem fecit integro sic que novait opus si quoeris quando cum demptis quattuor annos mille et sex centos facerat ipse Leo ».

Da questa traduzione di questa lapide proviamo a trarre una conclusione di carattere storico e del significato di queste scritte perché non si potra più leggerle è andata distrutta nel 1961 ed è stata macinata ed impastata nel cemento che servì per costruire la casa comunale vecchia.
Ma passiamo alla storia ed alla funzione di questa fontana , era per gli abitanti del secolo scorso di primaria importanza perchè non vi era ancora l’acqua potabile nelle case e l’unica fonte era questa fontana in piazza perchè nel secolo scorso nel paese vi erano molte fontane pubbliche e l’acqua veniva tutta dal santuario della Madonna della Carità.
Quindi quanto si legge nella traduzione (al fine di favorire gli abitanti ).
Nella foto di questa fontana si puo anche risalire all’epoca grazie agli stemmi che ci sono sulle sue pareti , ancora oggi esistono questi due stemmi in pietra , buttati per terra all’incuria del tempo e degli uomini, qualcuno qualche anno fa l’aveva ricostruita e poi di nuovo abbattuta , probalbilmente le cose storiche di moschiano non interessano .
Ma torniamo agli stemmi e cosa raffigurano:

 

< RITORNA ALLA HOME PAGE >